L’impiego delle Società medico-scientifiche italiane a supporto delle istituzioni nella lotta al coronavirus

di FRANCO VIMERCATI PRESIDENTE DELLA FISM, FEDERAZIONE DELLE SOCIETÀ MEDICO-SCIENTIFICHE ITALIANE

Scientifico una collaborazione intesa come coordinamento delle diverse attività e della loro corretta divulgazione, al fine di evitare visioni parziali del problema che, in alcuni casi, connotate da evidenti caratteristiche locali, possono rischiare di creare confusione, ansia e preoccupazione tra i cittadini.

Abbiamo, inoltre, formalizzato un accordo di collaborazione scientifica con l’Istituto Superiore di Sanità (ISS) con l’obiettivo di mettere a punto, anche attraverso le nostre Federate, percorsi specifici d’informazione e sensibilizzazione sul Coronavirus, rivolti agli operatori che abbiano una concreta e pressante necessità di mettere in atto comportamenti condivisi, in regime di urgenza pandemica, imparando anche dalle situazioni di crisi del sistema locale.

Nell’ambito delle strategie di contrasto, ho evidenziato la centralità di una corretta gestione del rischio sanitario, connesso all’emergenza epidemiologica. L’ISS è attualmente impegnato nella realizzazione di corsi FAD (formazione a distanza), tesi a orientare al meglio il personale sanitario nell’emergenza dovuta al contagio. In questo contesto, partiranno a breve corsi specifici che vedranno impegnate, in questa prima fase, le nostre Società di Nefrologia, Oncopsicologia, Cardiologia, Radiologia e Odontoiatria. Questa collaborazione scientifica è finalizzata a porre in essere ogni azione necessaria alla realizzazione di percorsi formativi congiunti FAD, dedicati alla pandemia Coronavirus in ambito specialistico, assumendosi gli oneri dell’accreditamento della formazione con riconoscimento ai discenti dei crediti formativi ECM.

La decisione di “fare sistema insieme alle Istituzioni” farà si che le esperienze, i suggerimenti e le proposte operative delle Società Scientifiche saranno messe a disposizione, in modo trasversale, sullo stesso portale. Così facendo, gli specialisti e i sanitari tutti potranno avere un accesso facilitato e adottare le specifiche raccomandazioni che tengano conto delle situazioni possibili o ottimali in sede di emergenza e comportarsi di conseguenza, nell’interesse dei pazienti e degli operatori sanitari. FISM ha, quindi, richiesto a tutte le Società Scientifiche di realizzare comunicazioni a carattere nazionale da inserire sul portale della Federazione, utili a favorire la condivisione delle proposte in un’area specifica loro riservata con la finalità di mettere a “fattor comune” le esperienze. Il Consiglio Direttivo della FISM, rappresentato dal sottoscritto, operativo H24, si mette a disposizione per coordinare il coinvolgimento delle varie realtà locali e favorire la realizzazione di linee di comportamento nazionale utili ed efficaci per l’intero Paese”.

NEWS

Le ultime notizie pubblicate sul nostro portale

SEGUICI ANCHE SU

NEWSLETTER

Inserisci il tuo indirizzo mail per rimanere sempre aggiornato



Richiedo l'iscrizione alla newsletter e acconsento al trattamento dei dati personali secondo il D.lgs. 196/2003.