Medicina a Padova: il Dipartimento di Medicina-DIMED dalla A alla Zeta

Il Prof. Fabrizio Fabris, Direttore del Dipartimento di Medicina–DIMED, ci porta a conoscere le molteplici attività del dipartimento universitario

Il Dipartimento di Medicina – DIMED dell’Università di Padova è il compendio di competenze multidisciplinari nell’ambito della Medicina che spaziano su 19 settori scientifico-disciplinari. Il Prof. Fabrizio Fabris, che ne è alla guida come Direttore dal 2015, ci illustra le molteplici sezioni che si articolano in attività didattiche, di ricerca ed assistenziali.

Prof. Fabris, ci parli delle Unità Operative del Dipartimento che dirige

L’Anatomia Patologica (diretta dal Prof. Massimo Rugge) è articolata in aree specialistiche per malattie oncologiche e non-oncologiche utilizzando tecniche tradizionali,  morfometriche e di biologica molecolare; tale organizzazione consente di erogare prestazioni di “medicina di precisione”. L’attività si realizza con collaborazioni nazionali ed internazionali particolarmente indirizzate alla patologia oncologica e trapiantologica. La Sezione di Citodiagnostica (Prof. Ambrogio Fassina), utilizza le metodologie dell’Anatomia Patologica in campo citologico applicandole ai fini diagnostici in particolare nelle malattie oncologiche. La Clinica Medica 1 (Prof. Fabrizio Fabris) affronta la medicina interna con particolare riguardo alle dislipidemie, alle patologie dell’emostasi e delle piastrine, le malattie allergiche, l’osteoporosi e le numerose patologie rare correlate ai vari interessi clinici. La Clinica Medica 3 (Prof. Roberto Vettor), oltre all’attività assistenziale riguardante la Medicina Interna, possiede competenze assistenziali specifiche nel settore della metodologia clinica, endocrino-metabolico e dell’obesità. La Clinica Medica 5 (Prof. Paolo Angeli) e la Sezione Emergenze epatiche (Prof. Carlo Merkel) hanno sviluppato competenze nelle malattie del fegato compresi i disturbi della sfera cognitiva e la medicina dei trapianti; la Clinica Medica 5 è infatti sede del “Centro Regionale per le malattie del fegato”. La Clinica Dermatologica (Prof. Mauro Alaibac) è Centro di Riferimento Regionale per la Psoriasi e per la Dermatologia Pediatrica. Viene inoltre considerato un’importante centro di riferimento per l’oncologia cutanea e per la terapia fotodinamica. L’Unità di Dietetica (Prof.ssa Lorenza Caregaro Negrin) svolge la sua attività nel settore dell’alimentazione e della nutrizione clinica, intesa come strumento di prevenzione e di terapia. L’Unità di Ematologia (Prof. Gianpietro Semenzato) si distingue per la diagnosi e la cura delle leucemie acute e croniche applicando la trapiantologia autologa, delle interstiziopatie polmonari immuno-mediate, delle immunodeficienze acquisite e congenite. Vengono condotti progetti di ricerca su nuovi farmaci e metodi di cura innovativi. L’Endocrinologia (Prof. Marco Boscaro) si propone come centro di attrazione nazionale per la diagnosi ed il trattamento delle patologie endocrine in particolare delle tireopatie e le malattie dell’asse ipofisi-surrene. La Clinica Geriatrica (Prof. Enzo Manzato) rivolge peculiarmente la sua attività agli anziani per ristabilire, mantenere e promuovere lo stato di salute e limitare gli esiti invalidanti delle patologie correlate all’età senile di cui studia i meccanismi fisiopatologici. Le Unità Operative dell’Ipertensione (Prof. Gian Paolo Rossi) e di Medicina Vascolare (Prof. Paolo Palatini) sono impegnate nella cura delle malattie cardiovascolari attraverso lo studio dell’ipertensione arteriosa e degli altri fattori di rischio, la diagnosi precoce, la terapia della fase acuta e la prevenzione secondaria attraverso un’intensa attività di ricerca di base ed epidemiologica. La Sezione di Anestesia e Rianimazione (Prof. Carlo Ori) presta assistenza peri operatoria per diverse specialità chirurgiche: dalla chirurgia generale alla cardiochirurgia dell’adulto e del bambino, alla chirurgia toracica, ortopedica e ginecologica, alla chirurgia dei trapianti di organi addominali, polmone e cuore. L’Unità Operativa di Radiologia (Prof. Diego Miotto) è articolata in radiologia interventistica, ecografia, tomografia computerizzata, risonanza magnetica e radiologia pediatrica ed eroga prestazioni di diagnostica per immagini con le più moderne tecnologie. Le due Unità Operative di Malattie del Metabolismo (Prof. Angelo Avogaro e Prof.ssa Annunziata Lapolla) assicurano il trattamento delle complicanze acute della malattia diabetica, delle complicanze croniche e delle complicanze infettive. Altra importante missione è l’attività di ricerca di altissimo livello finalizzata allo studio del diabete mellito di tipo 1 e 2, della messa a punto di farmaci innovativi e delle connessioni sistemiche del diabete e delle malattie metaboliche. La Sezione di Malattie Trombotiche ed Emorragiche (Prof. Paolo Simioni) svolge un ruolo di eccellenza nella diagnosi e cura delle malattie trombotiche, emorragiche e delle coagulopatie complesse. L’Unità di Medicina dello Sport e dell’Esercizio (Prof. Marco Zaccaria), oltre all’attività di certificazione sportiva, assicura il mantenimento ed il ripristino dello stato di salute, alla prevenzione, alla diagnosi e cura di patologie legate all’attività sportiva, alla valutazione dell’efficienza fisica di soggetti sani e con patologie croniche per la prescrizione dell’esercizio fisico come terapia. La Sezione di Medicina di Laboratorio (Prof. Mario Plebani), svolge servizi di analisi cliniche su campioni biologici e sui pazienti, oltre ad attività specifiche per la determinazione quali-quantitativa di indicatori biologici volte a rilevare anomale variazioni dei parametri fisiologici ed è impegnata in una attività traslazionale di interazione con tutte le sezioni del Dipartimento di Medicina e degli altri dipartimenti aziendali. La Medicina Nucleare (Prof. Franco Bui) è la branca specialistica della medicina che si avvale dell’uso di radionuclidi artificiali a scopo diagnostico, terapeutico e di ricerca biomedica. Il reparto è stato riconosciuto Centro di Eccellenza Nazionale per la Medicina Nucleare Pediatrica e per lo studio delle patologie neurologiche e neoplastiche con l’impiego di attrezzature di altissimo contenuto tecnologico (PTE – TAC, PET – RNM) uniche in Italia. L’Unità Operativa di Reumatologia (Prof. Leonardo Punzi) è una struttura all’avanguardia nella diagnosi e nella cura delle malattie reumatiche muscoloscheletriche, delle connettiviti e delle malattie auto infiammatorie dell’adulto. L’Unità Operativa di Andrologia e Patologia della Riproduzione umana (Prof. Carlo Foresta) è un centro di riferimento e di alta specializzazione che si occupa delle patologie andrologiche ed endocrinologiche, con particolare attenzione alle problematiche dell’infertilità di coppia. È sede del Centro Regionale Specializzato di Crioconservazione dei Gameti Maschilie del Centro Regionale Specializzato per la Sindrome di Klinefelter. La Sezione di Farmacologia Medica (Prof. Roberto Padrini) si occupa delle interazioni dei farmaci e della personalizzazione terapeutica, della ricerca di farmaci innovativi in campo cardiovascolare ed oncologico.

Quali sono i progetti che più caratterizzano il suo lavoro e la rendono orgoglioso?

Il Dipartimento di Medicina-DIMED rappresenta un punto di riferimento nazionale per un ampio numero di malattie rare ed ha contribuito in misura sostanziale al prestigio di cui gode, a livello europeo, l’Azienda Ospedaliera Università di Padova nel campo di tali patologie. Allo scopo di migliorare ulteriormente una performance già ai massimi livelli, il DIMED sta perseguendo un progetto di progressivo miglioramento ed integrazione delle competenze scientifiche e degli spazi da dedicare alla ricerca, alla formazione scientifica ed alla didattica nell’ambito della medicina e delle professioni sanitarie (7 corsi di laurea e 14 Scuole di Specializzazione), elementi che hanno già raggiunto livelli di assoluta eccellenza sia in ambito nazionale, che internazionale. Infatti il DIMED si è classificato nei primi posti della valutazione nazionale ANVUR relativa ai Dipartimenti dell’area medica e rappresenterà, insieme ad altri 14 dipartimenti, l’Università di Padova nella prossima competizione nazionale di Eccellenza.

In quale direzione sta andando il suo Dipartimento?

Sotto il profilo assistenziale, si sta dedicando la massima attenzione all’attivazione di percorsi in grado di assicurare ai pazienti il miglior livello di cure possibile, attraverso l’applicazione di protocolli clinici omogenei e conformi alle linee-guida più aggiornate e modelli assistenziali in grado di massimizzare gli esiti, nel contempo assicurando un utilizzo razionale delle risorse. Tra gli obiettivi del DIMED rientra inoltre la costituzione del Centro di Ricerca Clinica in grado di consentire l’esecuzione di studi clinici controllati di fase I e II e di implementare in misura progressivamente crescente l’applicazione della Medicina Individualizzata (Precision Medicine) nell’ampio settore della patologia umana che rientra nelle competenze professionali dei 95 docenti del DIMED coadiuvati da eccellenti collaboratori  tecnici ed amministrativi.

fabris

“DIMED è un punto di riferimento per molte malattie rare”

Dott. Fabrizio Fabris

Dipartimento di Medicina-DIMED Università degli Studi di Padova               Azienda Ospedaliera Università di PAdova

Via Giustiniani, 2 – 35128 Padova
Segreteria: 049 8211857
Fax: 0498212159
fabrizio.fabris@unipd.it

Post Correlati

Comments (4)

Salve sono di napoli mi chiamo carmela ho40anni .le vorrei fare una domanda il mese di giugno mi anno diagnostica una fibrosi polmonare sto ancora aspettando una cura dall ospedale monaldi di Napoli e normale la procedura? Mi vogliono fare una biopsia per darmi una cura adatta.se e possibile vorrei un suo parere grazie e contattarla in privato

Salve, contatti il medico ai riferimenti che trova nell’articolo, così che possa aiutarla. Le facciamo i nostri migliori auguri.

Mi farebbe piacere una sua opinione

Salve, contatti il medico ai riferimenti che trova nell’articolo, così che possa aiutarla. Le facciamo i nostri migliori auguri.

Leave a comment