Ictus e forame ovale pervio: il punto di vista del neurologo