World Bedwetting Day 2019

Giornata mondiale di sensibilizzazione sull’enuresi notturna
La causa dell’enuresi infantile non è di natura psicologica ma conseguenza di una iperproduzione di urina durante la notte o di una capacità ridotta della vescica. È una condizione medica che può incidere pesantemente sull’autostima di un bambino, sul suo benessere emotivo e sulla sua capacità di affrontare la giornata, compresa la scuola e gli impegni sociali. 2,3,4
Ciononostante, gli effetti che questo disturbo può avere sul bambino e la sua famiglia sono spesso sottovalutati e banalizzati. La “International Children’s Continence Society” (ICCS, Associazione Internazionale per la continenza pediatrica) e la European Society for Paediatric Urology (ESPU, Società europea di urologia pediatrica) hanno indetto per il 28 Maggio 2019 la giornata mondiale dell’enuresi, il World Bedwetting Day (WBD), per portare all’attenzione del pubblico e degli operatori sanitari un disturbo alquanto diffuso.
Cos’è l’enuresi notturna
L’enuresi notturna consiste nella perdita involontaria di urina durante il sonno in un’età superiore ai cinque anni.7
L’enuresi è un disturbo diffuso tra i bambini: circa il 5-10% dei bambini di 7 anni bagna regolarmente il letto e il problema può persistere fino all’adolescenza o addirittura l’età adulta.8
Nella maggior parte dei casi, l’enuresi è causata da una sovrapproduzione di urina durante la notte o da una capacità insufficiente della vescica e, talvolta, dall’incapacità di svegliarsi. 2,3,4
Perché una giornata di sensibilizzazione
L’enuresi è un disturbo comune che ha pesanti effetti sull’autostima del bambino, sul suo benessere emotivo e sulla sua capacità di affrontare la vita di tutti i giorni, scuola e impegni sociali compresi.2,3,4,5,6
L’enuresi “non è colpa di nessuno” e le famiglie e i medici dovrebbero poterne parlare senza imbarazzo o sensi di colpa. L’effetto che ha sui bambini è però spesso sottovalutato o banalizzato e spesso si finisce per non cercare o offrire aiuto.7
La campagna di sensibilizzazione sull’enuresi vuol far capire che si tratta di una condizione comune, che può e deve essere trattata.1 La giornata mondiale dell’enuresi infantile, che si tiene ogni anno dal 2015, vuole incoraggiare le famiglie a parlarne liberamente con i medici e poter così ottenere l’aiuto che serve.

 

 

 

REFERENCES
1. Hjälmås K et al. Nocturnal Enuresis: An International Evidence Based Management Strategy. The Journal of Urology. Vol. 171,2545–2561, June 2004
2. Vande Walle J et al, Practical consensus guidelines for the management of enuresis. Eur J Pediatr 2012;171:971-983
3. Vande Walle J et al, Erratum to: Practical consensus guidelines for the management of enuresis. Eur J Pediatr 2013;171:971-983
4. Vande Walle J et al, Erratum to: Practical consensus guidelines for the management of enuresis. Eur J Pediatr 2012;171:971-983
5. Theunis M et al, Self-Image and Performance in Children with Nocturnal Enuresis. European Urology (2002) 41:660-667
6. Nathan D, Nocturnal enuresis guidelines. Notthingham Children’s Hospital. 2014. 1-17
7. Austin P et al. The Standardization of Terminology of Lower 7Urinary Tract Function in Children and Adolescents: Update Report from the Standardization Committee of the International Cheldren’s Continence Society, The Journal of Urology (2014);191:1863-1865
8. Nevéus T. Nocturnal enuresis—theoretic background and practical guidelines. Pediatr Nephrol (2011) 26:1207–1214

Leave a comment