Skip links

Tag: cardiologia

Il difetto interatriale nell’adulto: dalla diagnosi all’intervento

Come riconoscere questa malformazione congenita, quando intervenire e con quale tipologia di terapia La maggior parte delle cardiopatie congenite oggi viene scoperta in età pe-diatrica e talvolta anche prima della nascita. Tuttavia alcune patologie, che sono totalmente asintomatiche, possono sfuggire alla diagnosi ed essere quindi diagnosticate per la prima volta

Trieste all’avanguardia in Italia per la Cardiologia

Innovazione tecnologica, interazione dipartimentale, ricerca, attenzione umana al paziente i punti di forza La S.C di Cardiologia dell’ A.S Universitaria Integrata di Trieste nasce nel 1964 ed è sempre stata connotata dall’avanzamento tecnologico, la collegia-lità d’approccio, l’attenzione umana al malato e un’organizzazione fortemente orientata alla continuità ospedale-territorio. Un Heart Team

Strumenti moderni per la lotta alla morte improvvisa

Esistono tecnologie efficaci per riuscire a fare prevenzione primaria e secondaria di fronte a questo tipo di evento “Partiamo subito con un messaggio positivo e tranquillizzante: l’incidenza di un evento di morte improvvisa è mediamente molto bassa ma soprattutto è possibile “risorgere” da un episodio di questo tipo attraverso terapie

La gestione della prevenzione dell’ictus nella fibrillazione atriale

Il Professor Riccardo Cappato, cardiologo dell’Istituto Humanitas, ci parla in anteprima di nuovi farmaci anticoagulanti orali e ablazione transcatetere L’aritmia atriale è una patologia molto diffusa al mondo: basti pensare che una persona su 4 ne ha sofferto almeno una volta nella vita, spesso senza essersene reso conto. Ad oggi

Morte cardiaca improvvisa, l’importanza del defibrillatore sottocutaneo

A parlarci di questo dispositivo, il Dott. Storti, Responsabile dell’Unità Operativa di Cardiologia 1 – Aritmologia dell’Istituto di Cura Città di Pavia Si definisce morte cardiaca improvvisa quella morte naturale di origine cardiaca preceduta da un’improvvisa perdita di conoscenza in soggetti con o senza una cardiopatia nota preesistente. È responsabile