Skip links

Oncologia

Combattere il cancro con la Tecnologia: le ultime novità in Radioterapia

MACCHINARI TECNOLOGICAMENTE AVANZATI, FORMAZIONE, APPROCCIO MULTIDISCIPLINARE, NETWORK: QUESTE LE PAROLE CHIAVE PER CURE RADIOTERAPICHE SEMPRE PIÙ EFFICIENTI E PERSONALIZZATE SU TUTTO IL TERRITORIO NAZIONALE Ne abbiamo parlato con il Prof. Paolo Muto, Direttore dell’Unità Operativa di Radioterapia dell’Istituto Nazionale dei Tumori IRCCS Fondazione G. Pascale

Tumore al cervello: quali sono i sintomi per riconoscerlo

Esistono vari tipi di tumore al cervello, per cui possono svilupparsi diversi sintomi. Scopriamoli insieme Un TUMORE AL CERVELLO è una crescita di cellule anormali nel cervello o nel tessuto circostante. Esistono vari tipi di tumori cerebrali. Alcuni di essi sono cancerogeni e altri non lo sono

Carcinoma Prostatico: dalla diagnosi alla cura

UN TUMORE MOLTO DIFFUSO MA NON ALTRETTANTO MORTALE, GRAZIE ALLE DIAGNOSI PRECOCI E ALLE DIVERSE OPZIONI TERAPEUTICHE. IL FUTURO: TERAPIE FOCALI E INDIVIDUAZIONE DEI PAZIENTI A RISCHIO CON INDAGINI GENETICHE. Il Prof. Alessandro Antonelli, 47 anni, è Ordinario di Urologia presso l’Università di Verona e

Clovis Oncology: un’Azienda impegnata nella battaglia contro il Cancro

Giovane, innovativa e focalizzata totalmente sull’Oncologia, Clovis Oncology è presente in Italia dal 2018 con un’unica grande mission: combattere il cancro con terapie innovative, mettendo il paziente sempre al primo posto. È il Dott. Andrea Musilli, Responsabile della sede italiana, un’esperienza ventennale in grandi aziende

Scoperto tassello mancante che spiega crescita dei tumori

Scoperto il tassello mancante che spiega come proliferano le cellule tumorali. I ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù e dell’Università di Roma Tor Vergata, in collaborazione con altri Centri di ricerca europei e statunitensi, hanno Individuato per la prima volta il rapporto tra due particolari proteine,

Con la biopsia liquida si potrà evitare la chemioterapia?

Secondo lo studio Pegasus, finanziato dalla Fondazione Airc per la ricerca sul cancro, grazie alla biopsia liquida sarà possibile per circa almeno 50 mila pazienti con diagnosi di tumore al colon, evitare la chemioterapia.   La d.ssa Silvia Marsoni, direttore dell’Unità di Oncologia di Precisione dell’IFOM di Milano, promotore dello studio